PROSSIME MOSTRE ARTISTI STORIA ARCHIVIO STORICO FIERE OPERE GRAFICHE DOVE SIAMO CONTACT HOME

Maurizio Zorat



Supercolor 2005
Pittura digitale
cm 111 x 111


Smoke 2005
Pittura digitale
cm 111 x 175


Irradio 2005
Pittura digitale
cm 111 x 111
Siamo le proiezioni di quello che eravamo e le memorie di quello che saremo. Guardiamo il presente e il nostro cervello decodifica attraverso la nostra memoria. Il presente immediatamente diventa passato e navighiamo nel torrente dei ricordi e dei progetti. Memoria. Oggetti di uso comune accompagnano le nostre giornate e diventano testimoni attivi dei nostri ricordi. Attraverso la visione degli oggetti riviviamo spazi temporali trascorsi ed è così che radio, macchine da scrivere, automobili, motociclette, diventano allora strumenti che ci proiettano nel passato e nei nostri ricordi. Maurizio Zorat è affascinato da quegli oggetti, che per il loro design e per il loro uso, sono diventati protagonisti di un'epoca. Usando una tecnica del presente disegna in digitale, pixel per pixel, questi oggetti, sovrapponendo spazi temporali diversi. Passato e futuro nel presente. Pixel come pennellata, pixel come punti nello spazio senza tempo. Zorat disegna grandi robot. "Umanomacchine", che volevano esprimere il futuro, diventano icone di un passato che sembra lontanissimo. Sembriamo gli esseri umani di un "Blade Runner" ormai lontano che riscoprono i loro oggetti. Le prime macchine polaroid diventano scatole magiche. Le fotografie come farfalle si dissolvono nel tempo. Come i petali di fiori i loro colori spariscono in un autunno senza fine. Zorat in maniera asettica ne cattura la poesia. Il marchio della "giulietta sprint" in acciaio cromato diventa un paesaggio azzurro nell'azzurro dei nostri ricordi. Il tassametro "Argo" ci fa risentire il rumore che scandiva i nostri viaggi metropolitani. Il contachilometri della 600 ci fa rivivere il suono del motore che ci spingeva oltre i cento all'ora, velocità che ci faceva letteralmente vibrare. Entriamo come i protagonisti di film in bianco e nero nei nostri ricordi colorati. Zorat ricompone, scomponendo, le tracce di un passato. Punto per punto, pixel per pixel, ripercorre il vuoto del tempo, il desiderio di appartenere ad un passato che sembra scorrere lontano. Come una navicella spaziale che lascia la base . Come un meteorite che traccia nell'infinito il segno.

Giorgio Cardazzo