PROSSIME MOSTRE ARTISTI STORIA ARCHIVIO STORICO FIERE OPERE GRAFICHE DOVE SIAMO CONTACT HOME

Paolo Collini


L’attività espositiva di Paolo Collini inizia con la prima personale a Milano nel 1970. E’ infatti nella città dove è
nato che, durante gli studi liceali e la frequenza a Brera, comincia il suo rapporto con il mondo dell’arte che lo
vede sin dagli esordi muoversi nell’universo del simbolico e del surreale. Dopo il periodo di formazione la sua
ricerca si avvicina ad una visione oniricamente naturalistica alimentata da suggestioni romantiche dove
emergono nature archetipiche e simboli di bellezza immortale e dove spesso, su profonde acque, aleggiano
emblematiche figure alate che nascondono segreti inviolabili. Durante gli anni ottanta si avvicina al
“citazionismo” con una pittura di definizione neo-neoclassica ricca di architetture misteriose dove il “mito” e il
senso del “tempo sospeso” sono al centro della sua narrazione. E la casa - tempio è il fulcro dell’indagine.
In seguito lo sviluppo del suo lavoro privilegia il rapporto tra il vero e l’immaginario creando enigmi visivi e
spaesamenti in spazi dove i confini tra memoria, realtà e sogno spesso indefinibili e dove utopie e aspirazioni
appaiono possibili. Ha esposto con oltre settanta personali in Italia ed Europa, partecipando inoltre a numerose
manifestazioni d’arte pubbliche tra cui alla XLII Biennale di Venezia, invitato in “Arte e Alchimia “ da Arturo
Schwarz. Tra le pubblicazioni dedicategli si ricordano le monografie: “Magie antelucane di Collini” di Riccardo
Barletta (ed. Ghirlandina, Modena 1984), “L’enigma della nostalgia” di Mario De Micheli
(ed. Mondadori, Milano 1991) e “Dimore dell’invisibile” di Luciano Caprile (ed. Vinciana, Milano 2000).



immaginario della periferia
2007
Olio su tela cm 60 x 60

 


Ritmo dell'espansione
2002
Olio su tela cm 60 x 60


inganni della periferia - 2004
tecnica mista su tela - cm. 110 x 140

Oltre le nuvole?
2010
pittura digitale e tecnica mista cm. 210 x 210